LE FESTE CHE CONTANO NON CONTANO!

E’ spiacevole assistere al fallimento di eventi che avrebbero tutte le potenzialità per diventare eventi di una certa importanza: è triste perché si assiste ad un fallimento che non è solo degli organizzatori dell’evento e dei partecipanti, ma di tutti. Se si organizza una festa cui non assiste nessuno, vuol dire che non si è riusciti a coinvolgere l’attenzione della popolazione, e questo è un male, perché si riflette su tutti. Anche su chi non ha preso parte all’evento. Questo per un semplice motivo: per quanto si possa in un primo momento mostrare disinteresse per un evento alle prime edizioni, puntando solo su feste affermate (ciò che facciamo noi di Odhinsönner, senza per questo voler mancare di rispetto a nessuno) se la festa non decolla non ci sarà mai la possibilità di poter dire “ok, adesso siamo interessati!” contribuendo a conferirvi la meritata importanza. Una festa cui non si vede uno solo spettatore, per quanto casuale o di passaggio, non la si può in alcun modo considerare una festa “di successo”, e la colpa non si può certo attribuire a coloro che non hanno preso parte, poiché spettava comunque ai presenti darsi da fare per renderla importante. Le chiamavano “feste che contano” ma sinceramente contiamo solo 2 enormi buchi nell’acqua che rischiano, col tempo, di minare le opportunità di successo di una festa come si deve, di un livello ben superiore, paragonabile almeno alla lontana ai grandi eventi che si vedono in Gran Bretagna e nel resto del Nord Europa. Per quanto ci siano state contestate le critiche (legittime e motivate) a questi fallimenti annunciati, alla fine, se le feste “che contano” non contano nulla, la sconfitta è di tutti, e forse sarebbe il caso di mostrare maggiore umiltà di fronte ai consigli, che tirar fuori le unghie ed accusare ingiustamente chi vuole aiutare a crescere. Non ci resta che attendere a questo punto di vedere come si evolverà la festa nell’agro Capitolino, festa che secondo indiscrezioni potrebbe coinvolgere la partecipazione di The Vikings Italy, diventando col tempo una “Taranto” del centro Italia. Partecipazione che auspichiamo di cuore, poiché siamo convinti che porterebbe solo bene ad una festa che già promette più che bene, in ogni caso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: